English

Chi siamo

 

Netval raccoglie ad oggi 61 università italiane e 10 Enti Pubblici di Ricerca non universitari: l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA), Agenzia Spaziale Italiana (ASI), AREA Science Park, il Centro Italiano Ricerche Aerospaziali (CIRA), il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA), Fondazione Bruno Kessler, Fondazione Edmund Mach, l'Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), l’Istituto Nazionale per la Fisica Nucleare (INFN); 9 IRCCS, il Centro di Riferimento Oncologico (CRO), la Fondazione Ca' Granda - Policlinico di Milano, la Fondazione Don Carlo Gnocchi, la Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano, l'IRCCS materno infantile Burlo Garofolo, l'Istituto Europeo di Oncologia (IEO), l'Istituto Nazionale Tumori "Fondazione Pascale", l'Istituto Ortopedico Rizzoli e l'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù; 3 fondazioni, Città della Scienza, Hub Innovazione Trentino (HIT), ItaliaCamp e 3 agenzie, ARTI Puglia, International Centre for Genetic Engineering and Biotechnology (ICGEB) e l'Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) e , supportandone la valorizzazione dei risultati della ricerca attraverso attività formative e di networking con istituzioni, mondo delle imprese e della finanza. 

Nata come network informale nel 2002, è diventata un'associazione nel 2007.

La nostra mission è valorizzare la ricerca universitaria nei confronti del sistema economico ed imprenditoriale, enti ed istituzioni pubbliche, associazioni imprenditoriali e aziende, venture capitalist e istituzioni finanziarie.

Netval vuole rappresentare un ponte tra la ricerca pubblica e le imprese interessate ad accrescere la propria competitività attraverso l'innovazione.

Nel contesto italiano, NETVAL rappresenta al 31 ottobre 2017:

  • il 58,8% di tutti gli atenei italiani
  • il 75,5% degli studenti 
  • il 85,7% dei docenti sul totale nazionale
  • il 87,7% dei docenti afferenti a settori disciplinari scientifici e tecnologici
  • il 92,7% del numero complessivo di imprese spin-off della ricerca pubblica (n=1.373)

Scarica qui la brochure in italiano ed in inglese.